Sublimazioni

Un sito di psicologia dinamica

          consulenza

 

 
HOME PAGE PREFAZIONE RIFLESSIONI DIVAGAZIONI EDITORIALI CONSULENZA

 
 

Consulenza psicologica online

24 agosto 2005

 

Si parla di consulenza psicologica online da molti anni, ormai. E se ne parla bene, anche, se si considera che ci sono state delle aperture di credito in questo senso da parte di psicologi dello spessore di un Aldo Carotenuto. Negli Stati Uniti, con comprensibili distinguo e controversie, ma in un modo appassionato che non riduce il valore scientifico del dibattito, si parla da tempo di psicoterapia online, addirittura. A questo proposito, il nostro punto di vista è che sia ancora presto per tentare di strutturare, a livello virtuale, un setting psicoterapico con lo stesso rigore che si utilizza nello studio di uno psicoterapeuta. Pensiamo, altresì, che se ne possa parlare e andare avanti nella ricerca. Ma per la consulenza psicologica siamo sicuri, già da subito, della sua utilità e dell'assenza di rischi.

Gli albi professionali degli psicologi sono cauti ed attenti. E fanno bene. Ma quali sono i rischi? I rischi, rispondiamo noi, sono tutti nell'assenza di competenze adeguate e di deontologia professionale. Uno psicologo-psicoterapeuta abilitato all'esercizio della professione, non può fare più danni su internet di quanto non ne possa fare nel segreto del suo studio. Occorre sapere ciò che si fa. In questo senso, deve essere chiaro che non si possono fare diagnosi con quattro colpi di mestolo. Né nel proprio studio, meno che mai su internet. Anzi, nel web è opportuno astenersi dal fare diagnosi, limitandosi a cogliere, il meglio possibile, i contenuti della richiesta di aiuto di chi lo consulta e dare risposte adeguate nel senso della comprensione del disagio e della canalizzazione delle energie da parte di chi chiede aiuto. E' opportuno tenere a bada il furor sanandi - vale anche per i setting reali - insidia questa che uno psicologo esperto conosce bene ed ha imparato a controllare.

Qualche tempo fa, una ragazza che abita in un città che dista più di mille chilometri dalla mia mi ha mandato una mail di ringraziamento per ciò che avevo fatto per lei un anno prima. Un anno prima mi aveva scritto, raccontandomi la storia del suo disagio e l'analisi che aveva fatto a riguardo. Ho risposto dandole fiducia, assicurandole che il suo Io sano, libero da conflitti aveva le risorse per uscire dalla sofferenza. Ma le ho anche scritto che l'analisi dei significati del suo star male era incompleta, in alcuni punti sbagliata. L'ho aiutata ad individuare i vuoti della sua analisi, e a correggere interpretazioni che le servivano per mantenere le "difese," non a risolvere il suo disagio. Alla fine, le ho suggerito di interpretare il suo disagio nel senso della responsabilità personale e di farsi aiutare da uno psicoterapeuta della sua città ad elaborare in modo completo e corretto la psicodinamica che sottintendeva le sue difficoltà. Le ho consigliato di rivolgersi all'albo degli psicologi della sua provincia o regione, ed io stesso mi sono attivato per favorire questo contatto. Dopo qualche tempo, avendo metabolizzato i suggerimenti che le avevo presentato, ha contattato una psicoterapeuta, si è sottoposta a psicoterapia, e un anno dopo mi ha comunicato che stava bene, si sentiva rinata, e mi ringraziava di averla aiutata a trovare la canalizzazione giusta. Non era stato difficile aiutarla, ma nemmeno facilissimo. Ero stato costretto ad aspettare di leggere più di una sua mail per cogliere la sostanza delle sue difficoltà e per valutare le risorse del suo Io.  Altre volte non è stato necessario consigliare una psicoterapia, in qualche caso per niente opportuno. In questi casi, mi sono impegnato a riformulare la problematica psicologica che mi era stata sottoposta e a riorientare il consultante verso obiettivi realistici e leciti. Gli ho camminato accanto lungo il suo percorso di ricerca, senza dare soluzioni magiche, ma facendogli capire che conoscevo la strada, avendola fatta molte volte.

Mi sono attrezzato per dare, a chi ne ha bisogno tra i visitatori del mio sito web, delle consulenze online audio-video con webcam. Sono più comode, evitando le fatiche della tastiera, e più efficaci, rispondendo meglio al bisogno di contatto di chi chiede una consulenza. Cerco di essere me stesso, come se mi trovassi nel mio studio privato. Con qualche cautela in più, anche per la novità dell'approccio, e con qualche limite in più per l'impossibilità a strutturare un setting controllato nelle sue variabili tecniche.

Spero che si possa realizzare in chi mi consulta ciò che una paziente reale mi ha riferito:" Mi sono raccontata più volte nel web e, dopo ogni volta, mi sentivo svuotata. Qualche volta, nel senso della debolezza, ma, più spesso, in quello della leggerezza".

----------

Contatti

Chi vuole chiedere una consulenza psicologia online o una psicoterapia ad orientamento psicoanalitico presso il mio studio, può utilizzare questi contatti:

Il mio indirizzo di posta elettronica: saveriotomaselli@sublimazioni.it

Il mio recapito telefonico: 0965/48268; cell. 339-7355543

La sede dello studio è a Reggio Calabria via Esperia, 10

Chi vuole conoscere la mia formazione professionale può cliccare su >> Chi siamo .


 
 
HOME PAGE PREFAZIONE RIFLESSIONI DIVAGAZIONI EDITORIALI CONSULENZA